IDEE  E  PRODOTTI  PER  UNA  VITA  CONSAPEVOLE
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
UN ALTRO MONDO POSSIBILE
Creando una nuova Consapevolezza 
UN ALTRO MONDO  POSSIBILE
I FIORI DEL DOMANI
Tutti i fiori di tutti i domani
sono i semi di oggi e di ieri.

Proverbio cinese
Ancora un sogno
... Sì, è vero, io stesso sono vittima di sogni svaniti, di speranze rovinate, ma nonostante tutto voglio concludere dicendo che ho ancora dei sogni, perché so che nella vita non bisogna mai cedere.
Se perdete la speranza, perdete anche quella vitalità che rende degna la vita, quel coraggio di essere voi stessi, quella forza che vi fa continuare nonostante tutto.
Ecco perché io ho ancora un sogno...
Continua...
Varsavia
<b>Varsavia </b>







Hanno ucciso il ragazzo di vent'anni
l'hanno ucciso per rabbia o per paura
perché aveva negli occhi quell'aria sincera
perché era una forza futura
sulla piazza ho visto tanti fiori
calpestati e dispersi con furore
da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Da chi usa la legge e si serve del bastone
e sugli altri ha pretese di padrone
Sull'altare c'è una madonna nera
ma è la mano del minatore bianco
che ha firmato cambiali alla fede di un mondo
sulla pelle di un popolo già stanco
Continua...

POTETE SOLO ESSERE LA RIVOLUZIONE
Ursula le Guin

Non abbiamo nulla se non la nostra libertà.
Non abbiamo nulla da darvi se non la vostra libertà.
Non abbiamo legge se non il singolo principio del mutuo appoggio tra individui.
Non abbiamo governo se non il singolo principio della libera associazione.
Non potete comprare la Rivoluzione.
Non potere fare la Rivoluzione.
Potete solo essere la Rivoluzione.
È nel vostro spirito, o non è in alcun luogo

da " The dispossessed" 1974
LA FINE DELLA VITA
é l'inizio della sopravvivenza

<b>LA FINE DELLA VITA<br> é l'inizio della sopravvivenza </b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
I CREATIVI CULTURALI
<b>I CREATIVI CULTURALI</b>





L'altro modo di pensare
e vivere

Ervin Laszlo
Possiamo pensare in modi radicalmente nuovi circa i problemi che affrontiamo?
La storia ci dimostra che le persone possono pensare in modi molto differenti. C'erano, in Oriente e in Occidente, sia nel periodo classico, che nel Medio Evo ed anche nelle società moderne, concezioni molto diverse sulla società, sul mondo, sull'onore e sulla dignità. Ma ancora più straordinario è il fatto che anche persone moderne delle società contemporanee possano pensare in modi diversi. Questo è stato dimostrato da sondaggi di opinioni che hanno indagato su cosa i nostri contemporanei pensano di loro stessi, del mondo e di come vorrebbero vivere ed agire nel mondo.

Una recente indagine della popolazione americana ha dimostrato modi di pensare e di vivere molto differenti.
Questo è molto importante per il nostro comune futuro, poiché è molto più probabile che alcuni modi di pensare preparino il terreno per uno scenario positivo piuttosto che altri.
Questi sono stati i risultati principali:
Continua...
PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI
<b>PIU’ LENTI, PIU’ PROFONDI, PIU’ DOLCI </b>





Alexander Langer


La domanda decisiva è: Come può risultare desiderabile una civiltà ecologicamente sostenibile?
Lentius, Profundis, Suavius”, al posto di ”Citius, Altius, Fortius”

La domanda decisiva quindi appare non tanto quella su cosa si deve fare o non fare, ma come suscitare motivazioni ed impulsi che rendano possibile la svolta verso una correzione di rotta.
La paura della della catastrofe, lo si è visto, non ha sinora generato questi impulsi in maniera sufficiente ed efficace, altrettanto si può dire delle leggi e dei controllo; e la stessa analisi scientifica
Continua...
CITTADINO DEL MONDO
<b>CITTADINO DEL MONDO</b> Graffito a Monaco






Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia è hawaiana.
Le tue vacanze sono turche
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare il tuo vicino
di essere…. Straniero.
Il viaggiatore leggero
<b>Il viaggiatore leggero </b> Adriano Sofri
Introduzione al libro di Alex Langer, ed. Sellerio 1996

Alexander Langer è nato a Sterzing (Vipiteno-Bolzano) nel 1946, ed è morto suicida a Firenze, nel luglio del 1995.
Benché abbia dedicato la sua vita intera, fin dall'adolescenza, a un impegno sociale e civile, e abbia attraversato per questa le tappe più significative della militanza politica, da quella di ispirazione cristiana a quella dell'estremismo giovanile, dall'ecologista e pacifista dell'europeismo e alla solidarietà fra il nord, il sud e l'est del mondo, e sempre alle ragioni della convivenza e del rispetto per la natura e la vita, e benché abbia ricoperto cariche elettive e istituzionali, da quelle locali al Parlamento europeo, è molto difficile parlarne come di un uomo politico. O almeno, è del tutto raro che nella politica corrente si trovi anche una piccola parte dell'ispirazione intellettuale e morale che ha guidato la fatica di Langer. La politica professata, anche quando non è semplicemente sciocca e corrotta, non ha il tempo di guardare lontano, e imprigiona i suoi praticanti nella ruotine e nell'autoconservazione. Uno sguardo che
Continua...
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
MA CHE PIANETA MI HAI FATTO
di Beppe Grillo

Ma che pianeta mi hai fatto? Petrolio e carbone sono proibiti. Nei centri urbani non possono più circolare auto private. L'emissione di Co2 è punita con l'assistenza gratuita agli anziani. I tabaccai sono scomparsi, non fuma più nessuno. Non si trovano neppure le macchinette mangiasoldi nei bar. La più grande impresa del Paese produce biciclette. La plastica appartiene al passato, chi la usa di nascosto è denunciato all'Autorità per il Bene Comune e condannato ai lavori socialmente utili. Continua...
Versione Stampabile << torna indietro

IL MOVIMENTO FEMMINISTA E LA CIA



di FioriGialli Dossier

Guardate questa donna. Il suo nome è Gloria Steinem. Nel 1996 Nancy Friday, nota femminista americana, pubblicò un libro The Power of Beauty (in Italia ripubblicato l'anno seguente da Corbaccio con il titolo Il Potere della Bellezza) che ebbe un certo successo internazionale ma fu poi ben presto ignorato dalla scena culturale femminista. E continuando a leggere ne comprenderete il perché.

Nelle sue 650 pagine Nancy Friday illustrava con rigore e partecipazione di vita vissuta molte delle tematiche e problematiche interne al movimento delle donne  tra cui in particolare il rapporto femminile con la bellezza, il sesso e le relazioni con gli uomini e descrive l'ascesa fulminante di Gloria Steinem alla leadership del movimento femminista americano succedendo a Betty Friedan.

Questa nuova leadership portò ad un nuovo tipo di femminismo (separatista) in cui si sarebbe passati dal tema dell'uguaglianza tra uomini e donne al tema esclusivo dei diritti delle donne  portando alla metà degli anni '70 alla posizione di rifiuto dell'affido congiunto dei figli nelle cause di separazione familiari, cosa che provocò il definitivo allontanamento degli uomini dai movimenti di liberazione della donna (come Lawrence Farrell) e porterà poi alla attuale mentalità vittimistica (come oggi pervertito in #metoo):

"Si potrebbe sostenere che, per alcuni anni tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70, esistessero due movimenti femministi tra loro in competizione - il femminismo liberale e il movimento di liberazione delle donne." (...) Gloria Steinem forniva cià di cui c'era bisogno; era perfetta per la causa, perfetta per i mass-media costantemente affamati".

" Litigavamo molto" , disse la Friedan ne corso di una intervista del 1992,  riferendosi al suo rapporto con Gloria Steinem. "Io ero davvero contraria alla politica radical chic e anti-uomo che lei sposò: 'una donna ha bisogno di un uomo come un pesce ha bisogno di una bicicletta' ... Non mi piacque quando andò alla League of Women Voters per sostenere L'ERA e nel suo discorso, disse che tutte le mogli erano delle prostitute. Pensavo fosse una strategia politica scellerata, e la combattei dentro Now  e in generale nel movimento delle donne. Lottai contro i tentativi di deviare il movimento delle donne dal suo corso principale, e questo mi mise contro Gloria Steinem."

La disamina della questione Gloria Steinem e dell'inclinazione separatista e anti-uomo del femminismo procede con sofferenza per centinaia di pagine nel libro di Nancy Friday, individuandone causa in una forte inclinazione ad assumere ed esercitare un ruolo di potere sia nella Steinem stessa che intorno a lei ma l'autrice non poteva sapere di che genere di potere stava esaminando l'espressione ed attribuì i forti finanziamenti che Steinem riceveva come un frutto della seduzione da lei esercitata su svariati uomini benestanti.

Questo femminismo anti-uomo fu l'approccio che avrebbe prevalso e si sarebbe diffuso anche in Europa e in Italia dagli anni '70 in poi. Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti e proseguono con le attuali Teorie del Gender: anche rispetto ad esse vi sono oggi degli autori americani che insistono a definirle una manovra dei servizi segreti.

Nancy Friday, Betty Friedan (che in seguito sarebbe stata bandita proprio dalla Steinem - aprile '92 marcia di Washington per la libera scelta) e tutte le altre donne non potevano allora  sapere che Gloria Steinem fosse finanziata (direttamente a libro paga per 4 anni) e sostenuta dalla Cia sia nel finanziamento della sua rivista MS Magazine che nei confronti dell'apparato mass-mediatico.

Questo non è più un mistero e la stessa Gloria Steinem lo ha confermato in una intervista televisiva asserendo che aveva bisogno di finanziatori e gli uomini delle Cia in quel periodo erano davvero liberal...

Ma perchè, chiederà qualcuno, la Cia aveva interesse a questo? Riportiamo due articoli che lo spiegano. Il primo redatto da Alberto Medici e corredato di un video dell'intervista televisiva  di Aaron Russo (sottotitolata in italiano) in cui racconta delle confidenze fattagli da David Rockfeller in cui gli racconta che il femminismo fu una operazione al 100% da loro voluta e controllata e gliene fornì i motivi.

Il secondo di Henry Makow, noto e al contempo discusso teorico complottista, piuttosto estremo nelle conclusioni generali ma con vasto seguito e parecchie intuizioni plausibiliin cui si ricostruiscono le tappe dell'affermazione di Gloria Steinem, i finanziamenti ricevuti sino ai rapporti personali da lei intrattenuti con diversi personaggi come Kissinger ed altri in una cornice esplicativa resa possibile dai documenti desecretati del Congresso Statunitense: la controcultura della droga degli anni '60, il movimento per i diritti civili e il movimento pacifista, lo stesso femminismo, furono infiltrati ed eterodiretti dalla CIA.

Da altre fonti congressuali sappiamo ad esempio che un solo agente Cia, Ronald Stark, fu il diffusore dell' Lsd nelle comunità hippy di San Francisco (Merry Pranksters e Timothy Leary) ed un volta scoperto fu inviato in Italia, a Roma, per diffondere l'eroina tra i giovani metropolitani (arrestato dai carabineri più volte ed ogni volta liberato per l'intervento dell'ambasciata americana fu rimpatriato) leggere i dati su internet (Operazione Blue Moon tra cui anche il suo soggiorno in cella con Renato Curcio). Della vicenda vi è uno Speciale della Rai (prendetevi il tempo e guardatelo).

Oppure il caso di Jimi Hendrix che autoproduce un film The Rainbow Bridge (luglio 1970) in cui è contenuto il messaggio che le droghe non possono essere usate come acceleratori dell'evoluzione spirituale e due mesi dopo muore, in circostanze rimaste misteriose. (Nel film Jimi Hendrix recita con il suo gruppo comunitario The Great Invocation di Alice Bailey ai bordi di una piscina e nella sigla stessa riporta lo schema di costruzione dell'Antahkarana). Alcune copie del film sono ancora disponibili nella libreria FioriGialli.  L'impresario di Jimi risultò poi essere beneficiario di una polizza vita di Jimi di 2 milioni di dollari ma non li ritirò mai, morendo durante una esplosione aerea. La groupie che era con Jimi Hendrix la notte della morte, era Monika Dannemann, campionessa tedesca di pattinaggio,  scomparve per anni dopo il fatto e fu rintracciata dai giornalisti nei primi anni 90 data da cui rilasciò diverse interviste contraddittorie sino al suo suicidio nel 1996.

Il movimento femminista ha una storia molto complessa, si è espresso in una grande varietà di componenti e la buonafede di una parte delle sue militanti non è in discussione, tuttavia quanto emerge conferma quanto e come si può venir manipolati, oltre che negli atti proprio nella formulazione del pensiero - che è probabilmente il vero metodo della manipolazione mentale -  e lo stesso può valere per altri movimenti. Dai dati emerge quindi che Il movimento femminista fu manipolato dai servizi segreti, la società tradizionale disgregata e la vita stessa di molte militanti femministe ne risultò alla lunga compromessa o distrutta.

Di seguito i due articoli con acclusi video e dati di riferimento, vediamo cosa ci raccontano e l'insieme conferma e va oltre ancora il racconto e le analisi di Nancy Friday.
 

Femminismo finanziato sottobanco?

di Alberto Medici

Ieri sera, alla sala civica del mio comune, ho assistito ad una rappresentazione di un’attrice, peraltro molto brava, sul tema della situazione femminile. L’attrice impersonava diverse donne, tutte impegnate nell’affannosa ricerca di un lavoro stabile, a cercare di sfuggire dal precariato, costrette ad una serie di lavori nella migliore delle ipotesi frustranti, ripetitivi, quando non addirittura umilianti o alienanti.

Pensando alla situazione di molte, costrette a fare le corse per un mestiere che il più delle volte permette a malapena di sopravvivere, a lasciare i figli ancora piccoli in anonimi asili, se non a rinunciare del tutto alla maternità, non ho potuto fare a meno di pensare che quello che ci viene spacciato come progresso, come evoluzione, molte volte non sia altro che un imbroglio e una involuzione, un allontanamento dallo stato armonioso di natura.

Mi è tornato alla mente Aaron Russo (fra l’altro produttore del bellissimo “Una poltrona per due”, con Eddie Murphie), che, in una lunga intervista con Alex Jones (www.prisonplanet.com) fra le altre cose racconta di come, nel breve periodo in cui frequentava David Rockefeller, rampollo di una delle dinastie che controllano il mondo, questo gli avesse raccontato una serie di “segreti” a dimostrare a loro potenza, nel tentativo di co-optare Aaron ( Russo era candidato governatore dello stato del Nevada, quindi non proprio l’ultimo arrivato).
 

Ad esempio, sul movimento di liberazione della donna, Rockefeller chiede a Russo: Secondo te, cosa è stato il movimento femminista?” e Russo, come probabilmente risponderebbe il 100% di noi, più o meno le solite banalità: “Beh, una cosa buona, la donna che si libera, non è più schiava, può uscire a lavorare, realizzarsi,...”

E Rockefeller: “Vedi che non sai proprio niente? Siamo stati noi a finanziare e promuovere il movimento femminista. E vuoi sapere perchè? Per una serie di motivi, ma ti cito i due principali: Primo, se la donna lavora fuori, possiamo tassare anche il suo lavoro, cosa che non possiamo fare se lavora in casa; secondo, perchè così possiamo togliere i bambini fin dall’infanzia dal controllo della famiglia, e metterli sotto il controllo dello stato.”

Questa potrebbe sembrare una sparata, ma -udite udite- pochi anni fa Gloria Steinem, una delle figure di punta del movimento femminista americano, ha rivelato in una intervista che il movimento di liberazione della donna era segretamente finanziato dalla CIA. Così tutti quelli che manifestavano, in parte anche contro l’establishment, non sapevano di essere manipolati, finanziati e diretti segretamente dalle emanazioni di quell’establishment che volevano combattere.

(video originale completo in inglese)

di Alberto Medici
14-2-2012 ingannati.it

 

Gloria Steinem -
Come la CIA ha usato il femminismo per destabilizzare la società


di Henry Makow, Ph.D.            / - traduttore di Google

"Negli anni '60, i media d'élite inventarono il femminismo della seconda ondata come parte del programma elitario per smantellare la civiltà e creare un nuovo ordine mondiale". Da quando scrivo queste parole la settimana scorsa, ho scoperto che prima di diventare una leader femminista, Gloria Steinem ha lavorato per la CIA spiando gli studenti marxisti in Europa e interrompendo i loro incontri. È diventata un idolo dei media grazie alle sue connessioni con la CIA. MS Magazine, la rivista che ha curato per molti anni, è stata finanziata direttamente  e indirettamente dalla CIA.

Gloria Steinem ha cercato di sopprimere questa informazione, portata alla luce negli anni '70 da un gruppo femminista radicale chiamato "Red Stockings". Nel 1979, Steinem e i suoi potenti amici connessi alla CIA, Katharine Graham del Washington Post e il presidente della Fondazione Ford Franklin Thomas impedì a Random House di pubblicarlo in "Rivoluzione femminista". Tuttavia la storia è apparsa su "Village Voice" il 21 maggio 1979.

Steinem ha sempre finto di essere stata una studentessa radicale. "Quando ero al college, era l'era di McCarthy", ha detto a Susan Mitchell nel 1997, "e questo mi ha reso un marxista". (Icone, Santi e Divas: Conversazioni intime con donne che hanno cambiato il mondo 1997. p 130) Il suo bio-blurb nel giugno 1973 MS. Rivista afferma: "Gloria Steinem è stata una scrittrice freelance per tutta la sua vita professionale. La rivista Ms è il suo primo lavoro retribuito a tempo pieno".

Non è vero. Cresciuta in una famiglia povera e disfunzionale a Toledo, in Ohio, Steinem riuscì in qualche modo a frequentare l'élite Smith College, l'alma mater di Betty Friedan. Dopo essersi laureata nel 1955, Steinem ha ricevuto una "borsa di studio per studenti Chester Chester" per studiare in India. Curiosamente, una ricerca su Internet rivela che di questa fondazione (Chester Chester) non vi è prova alcuna a parte questa borsa di studio per Gloria Steinem. Nessun altro l'ha ricevuta e di tale fondazione non resta traccia.

Nel 1958, Steinem fu reclutata da Cord Meyers della CIA per dirigere un "gruppo informale di attivisti" chiamato "Servizio di ricerca indipendente". Questo faceva parte del "Congresso per la libertà culturale" di Meyer, che creava riviste come "Encounter" e "Partisan Review" per promuovere uno stile liberale della sinistra che si opponesse al marxismo. Steinem, ha assistito ai festival giovanili sponsorizzati dai comunisti in Europa, ha pubblicato un giornale, riportato su altri partecipanti e contribuito a provocare rivolte.

Uno dei colleghi della CIA di Steinem era Clay Felker. Nei primi anni Sessanta, divenne editore presso l'Esquire e pubblicò parecchi articoli di Steinem che la fecero affermare come la voce principale per la libertà femminile. Nel 1968, in quanto editore del New York Magazine, la assunse come redattore collaboratore e poi come editore della rivista Ms. Magazine nel 1971. La Warner Communications investì quasi tutti i soldi, anche se ne prese solo il 25%. Il primo editore della rivista è stato Elizabeth Forsling Harris, una dirigente della PR collegata alla CIA, che ha pianificato la via del corteo di Dallas di John Kennedy. Nonostante la sua immagine anti-establishment, la rivista MS ha attirato la pubblicità dalla società americana. Pubblicò annunci per ITT nello stesso periodo in cui donne prigioniere politiche in Cile venivano torturate da Pinochet, dopo un colpo di stato ispirato dal conglomerato statunitense e dalla CIA.

Le relazioni personali di Steinem smentiscono anche le sue pretese anti establishment. Ebbe una relazione per nove anni con Stanley Pottinger, un assistente procuratore generale di Nixon-Ford, accreditato di aver bloccato le indagini dell'FBI sugli assassini di Martin Luther King e dell'ex ministro degli Esteri cileno Orlando Latelier.
Negli anni '80, si accompagnò per vario tempo con Henry Kissinger.
1

Il nostro principale equivoco sulla CIA è pensare che serve gli interessi degli Stati Uniti. In realtà, è sempre stato lo strumento di una dinastia internazionale del settore bancario e del petrolio (Rothschild, Rockefeller, Morgan) coordinata dal Royal Institute for Internal Affairs di Londra e dalla loro filiale statunitense, il Council for Foreign Relations. È stato fondato e popolato da sangue blu proveniente dall'istituto bancario di New York e laureato nella società segreta "Skull and Bones" della Yale University. Il nostro attuale presidente, suo padre e suo nonno si adattano a questo profilo.

L'ordine del giorno di questa cabala internazionale è di degradare le istituzioni e i valori degli Stati Uniti per integrarlo in uno stato globale che controllerà pervertendo le Nazioni Unite. Nella sua Carta di fondazione del 1947, alla CIA è vietato intraprendere attività domestiche. Tuttavia questo non ha mai impedito di intraprendere una guerra psicologica contro il popolo americano. La controparte nazionale del "Congresso per la libertà culturale" era il "Comitato americano per la libertà culturale". Usando le fondamenta come condotti, il discorso intellettuale controllato dalla CIA negli anni '50 e '60, e credo che continui a farlo oggi. In The Cold War culturale: La CIA e il mondo delle arti e delle lettere, Francis Stonor Saunders stima che un migliaio di libri siano stati prodotti sotto l'impronta di una varietà di stampa commerciali e universitarie, con sussidi segreti.

Il "Progetto Mockingbird" della CIA ha comportato l'infiltrazione diretta dei media aziendali, un processo che spesso includeva l'acquisizione diretta delle principali agenzie di stampa. "Agli inizi degli anni '50", scrive Deborah Davis, nel suo libro Katharine the Great: Katharine Graham e il suo Washington Post Empire, i membri della CIA rispettati membri del New York Times, Newsweek, CBS e altri veicoli di comunicazione, oltre a stringers, da quattro a seicento in tutto. "Nel 1982 la CIA ammise che i giornalisti sul libro paga della CIA avevano agito come agenti del caso presso gli agenti sul campo. Philip Graham, editore del Washington Post, che gestì l'operazione fino al suo "suicidio" nel 1963 , si vantava che "si poteva ottenere un giornalista più economico di una brava ragazza chiamata, per un paio di centinaia di dollari al mese".

Sono nato nel 1949. Gli idealisti della generazione dei miei genitori erano disillusi quando il sogno comunista della fratellanza universale si rivelò uno sprezzo per un brutale dispotismo. La mia generazione potrebbe scoprire che anche i nostri migliori istinti sono stati manipolati e sfruttati. Ci sono prove che la controcultura della droga degli anni '60, il movimento per i diritti civili e il movimento contro la guerra, come il femminismo, furono diretti dalla CIA. Ad esempio, la CIA ha ammesso la costituzione dell'Associazione studentesca nazionale come fronte nel 1947. Nei primi anni '50 la NSA si è opposta ai tentativi della commissione Un-American Activities della Camera di sradicare le spie comuniste. Secondo Phil Agee Jr., gli ufficiali della NSA hanno partecipato alle attività di SNCC, il gruppo militante per i diritti civili e Students for a Democratic Society, un gruppo di pace radicale.

Secondo Mark Riebling, anche la CIA potrebbe aver usato Timothy Leary. Sicuramente l'agenzia ha distribuito l'LSD a Leary e altri opinion maker negli anni '60. Leary ha costretto una generazione di americani a rinunciare alla partecipazione attiva nella società ea cercare la realizzazione "all'interno". In un altro esempio dell'uso della droga da parte della CIA per interferire nella politica interna, Gary Webb descrive come negli anni '80 la CIA inondò i ghetti neri con la cocaina.

Non cercherò di analizzare la motivazione della CIA se non di suggerire cosa hanno in comune questi atti: hanno demoralizzato, alienato e diviso gli americani. L'élite opera promuovendo la divisione e il conflitto nel mondo. Quindi, non capiamo chi è il vero nemico. Per lo stesso motivo, la CIA e le fondazioni d'élite finanziano anche la diversità e i movimenti multiculturali.

Il femminismo ha fatto più danni. Non c'è più una relazione fondamentale ma delicata nella società rispetto a quella maschile e femminile. Da questo dipende la famiglia, il globulo rosso della società. Nessuno con gli interessi della società nel profondo cercherebbe di dividere uomini e donne. Eppure la menzogna che gli uomini hanno sfruttato le donne è diventata l'ortodossia ufficiale.

L'uomo ama la donna. Il suo primo istinto è quello di nutrire ("marito") e vederla prosperare. Quando una donna è felice, è bella. Certo, alcuni uomini sono abusivi. Ma la stragrande maggioranza ha sostenuto e guidato le loro famiglie per millenni.

Le femministe avanzano inesorabilmente l'idea che le nostre caratteristiche intrinseche maschili e femminili, cruciali per il nostro sviluppo come esseri umani, sono semplici "stereotipi". Questa è una viziosa calunnia su tutti gli eterosessuali, il 95% della popolazione. Parla dell'odio! Eppure è insegnato ai bambini nelle scuole elementari! È echeggiato nei media. Le lesbiche come Rosie O'Donnell sono avanzate come modelli.

Tutto questo è calcolato per creare confusione personale e seminare il caos tra gli eterosessuali. Di conseguenza, milioni di maschi americani sono sviati e divorziati dal loro rapporto con la famiglia (il mondo e il futuro). La donna americana è stata indaffarata a investire se stessa in una carriera mondana invece dell'amore senza tempo del marito e dei figli. Molte donne sono diventate caratteristicamente inadatte a essere mogli e madri. Le persone, isolate e sole, rachitiche e affamate di amore, sono facili da ingannare e manipolare. Senza la sana influenza di due genitori amorevoli, lo sono anche i loro figli.

Il femminismo è una frode grottesca perpetrata sulla società dalla sua élite governativa. È progettato per indebolire il tessuto sociale e culturale americano al fine di introdurre un New World Order fascista amichevole. I suoi sostenitori sono dei ciarlatani, ciarlatani che ne sono diventati ricchi e potenti. Includono un'intera classe di bugiardi e storpi morali che lavorano per l'élite in varie capacità: governo, educazione e media. Questi impostori dovrebbero essere esposti e ridicolizzati.

L'oppressione delle donne è una bugia. I ruoli sessuali non erano mai così rigidi come le femministe vorrebbero farci credere. Mia madre ha avuto un business di successo negli anni Cinquanta importando cinturini per orologi dalla Svizzera. Quando il reddito di mio padre aumentò, lei si accontentò di smettere e concentrarsi sui bambini. Le donne erano libere di intraprendere una carriera se volevano. La differenza era che il loro ruolo di moglie e madre era compreso e convalidato socialmente, come dovrebbe essere.

Fino a quando arrivarono Gloria Steinem e la CIA.

di Henry Makow, Ph.D.
TooGoodReports.com
3-19-2  http://www.rense.com/general21/hw.htm

1 - Per ulteriori dettagli, consultare il ricercatore di San Francisco Dave Emory.
                                                   

C'è qualcosa su cui riflettere, non vi sembra?
 

© FioriGialli.Tutti i diritti riservati.
E' fatto divieto di pubblicazione sia totale che parziale in altra sede senza una ns. specifica autorizzazione. I trasgressori saranno perseguiti a norma di legge.


Scrivi un commento
lascia la tua opinione.

nome


e-mail(obbligatoria, ma non verrà pubblicata)


sito (facoltativo)


testo del commento




Redazione
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Globalizzazione ed economie
Culture e globalizzazione
Identità e diritti globali
Media e informazione
Oppressione emarginazione
Pace e Guerra
Politica e Spiritualità
Ecologia profonda
Libri Consigliati
Iniziative e incontri
SPECIALE MEDIORIENTE
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:


Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Globalizzazione 
Nonviolenza


per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
24 FEBBRAIO 2018 - ROMA -MANIFESTAZIONE PER LA LIBERTA' DI SCELTA SUI VACCINI
15 - 16 MAGGIO 2018 - ROMA AUDITORIUM - ASCANIO CELESTINI - PUEBLO
08 APRILE 2018 - ROMA AUDITORIUM - FRANCO CARDINI: ISLAM - SUNNITI CONTRO SCITI
20 NOVEMBRE 2017 ARDEA (ROMA) - CONVEGNO - RICONOSCIMENTO E VALORIZZAZIONE DELLA FIGURA DEL CAREGIVER
17 - 24 NOVEMBRE 2017 MANZIANA (VT) - LABORATORIO DI TEATRO DELL'OPPRESSO SUL TEMA DELL'OBBLIGO VACCINALE
16 DICEMBRE 2017 ROMA - WORKSHOP DAI LUCE AI TUOI DESIDERI
18 NOVEMBRE 2017 FIRENZE - CITY BOUND. EDUCAZIONE ESPERIENZIALE ALL'ARIA APERTA IN CITTA'
24 SETTEMBRE DECIMA EDIZIONE FIDUCIA DAY - ROMA
21 SETTEMBRE ROMA EVENTO FIORIGIALLI - INCONTRO CON DAYA BAI
23 SETTEMBRE 2017 ROMA - INCONTRO CON DAYA BAY
27-29 OTTOBRE - INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE NONVIOLENTA
30 SETTEMBRE - 10 OTTOBRE - CAMBIARE VITA E LAVORO, ISTRUZIONI PER L'USO - (TR)
16-17 SETTEMBRE 2017 STRESA - CONVEGNO INTERNAZIONALE MEDICINA HILDEGARDIANA
20 - 21 MAGGIO 2017 - TERRA NUOVA FESTIVAL
19 maggio 2017 - Il bambino nel secondo settennio
 Link
Club di Budapest
Amnesty International
Carta
Emergency
Rete Lilliput
Botteghe del Mondo
MegaChip
Peacelink
Vita
Medici senza Frontiere
Report
Re Nudo
TransFair
Indiani d'America
Forum Terzo Settore
Lunaria
Albero della Vita
Exodus Fondazione Onlus
OltreTutto
Indymedia
goodnews
Reopen 9 11
Reclaim the street
Assefa Italia Ong
Aamterranuova
Beppe Grillo Blog
Dario Fo e Franca Rame
Il Salvagente
NEXUS
Survival
Peace Reporters
Disinformazione
Mondi Vicini - RTSI
IPS Inter Press Service
Love difference
Deep Ecology Foundation
Natural Spirit
Alexander Langer Fondazione
Ecologia Profonda
Assopace
Libera
Scuola Waldorf Sagrado
acquahomoterracielo.blogspot.com
17-19 MAGGIO 2013 FIRENZE
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it