nel tempo dell'inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
L'ECOLOGIA IN PRATICA
UNO STILE DI VITA NATURALE
PER SE' E PER IL PIANETA
L'ECOLOGIA IN PRATICA
Sono la natura
sono la terra.
i miei occhi sono il cielo,
le mie membra gli alberi.
Sono la roccia,
la profondità dell'acqua,
non sono qui per dominare
la Natura.
Io stesso sono la Natura.

Indiani Hopi

Questa terra é sacra
<b>Questa terra é sacra</b>





Come potete comperare
o vendere il cielo,
il calore della terra?
l'idea per noi é strana.
Se non possediamo
la freschezza dell'aria,
lo scintillio dell'acqua.
Come possiamo comperarli?
Continua...
ONDE DI CRESCITA INTERIORE
ONDE DI CRESCITA INTERIORE La crisi ecologica - ovvero il principale problema di Gaia - non è l’inquinamento, i rifiuti tossici, il buco nell’ozono o qualcosa del genere. Il principale problema di Gaia è che un numero non sufficiente di esseri umani si è sviluppato ai livelli di coscienza postconvenzionali, planetari e globali in cui sarebbero spinti automaticamente alla cura per il globale comune. E gli esseri umani sviluppano questi livelli postconvenzionali, non imparando la teoria dei sistemi, ma passando attraverso almeno una mezza dozzina delle principali trasformazioni interiori, che vanno dall’egocentrico all’etnocentrico al mondocentrico, punto in cui e non prima, possono risvegliarsi a una profonda e autentica cura per Gaia. La prima cura per la crisi ecologica non consiste nell’imparare che Gaia è la Rete della Vita, per quanto vero ciò sia, ma nel promuovere queste numerose e ardue onde di crescita interiore, nessuna delle quali viene indicata dalla maggior parte di questi approcci del nuovo paradigma.
Continua... 
UN'ALTRA ITALIA E' POSSIBILE
UN'ALTRA ITALIA E' POSSIBILE 1 L’Italia vive l’anomalia di un nuovo Medioevo. Più che in altri paesi, è visibile in Italia l’emergenza ecologica, il degrado sociale e la crisi di fondamentali valori etici; permangono aree vaste di ignoranza, incapacità, ingiustizia. Meno facilmente che altri paesi, l’Italia quindi può affrontare la conversione ecologica delle attività economiche, il risanamento ambientale e morale del paese, la partecipazione diretta delle persone alla attività sociale ed una effettiva realizzazione di una sana cultura dei diritti e dei doveri che dovrebbero regolare ed ispirare la vita sociale collettiva. 2 Sia in Europa che nel resto del pianeta, vi è una tripla crisi :a) economica e finanziaria (causata da un modello di crescita superato) b) ambientale conseguente, c) socio-culturale. Tre grandi crisi che non trovano più risposte adeguate dal sistema della politica: non dai partiti socialdemocratici in crisi dappertutto e neppure dall’egoismo sociale e dall’indifferenza ambientale dei vari partiti conservatori. Solo un modello sociale e produttivo eco-orientato ed eco-sostenibile, che all’idea di una crescita senza limiti sostituisca un idea di sobrietà, che non escluda anche l’utilità di avere aree di decrescita virtuosa e felice, può essere in grado di affrontare le difficoltà del presente. ...Continua...
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO di Maneka Gandhi

Mangiare carne è una delle maggiori cause della distruzione ambientale. Ogni specie non solo ha il diritto di vivere, ma la sua vita è essenziale per il benessere dell’umanità. Ciò che chiamiamo sviluppo, cioè la sterile città nella quale portiamo i nostri cani al guinzaglio, non è vita. Ci abituiamo così velocemente al malessere, alla tensione, alle carestie e alle alluvioni che pensiamo che i pezzi di carta che teniamo in tasca possano sostituire un corpo sano e una mente gioiosa. Scegliamo di non sapere che, praticamente tutte le nostre malattie sono causate dalla mutilazione e dall’uccisione di animali: dai 70.000 acri di foresta pluviale del Sudamerica abbattuti ogni giorno – che in gran parte servono per far pascolare il bestiame – fino al virus Ebola, proveniente dalle scimmie strappate dal loro habitat naturale in Africa allo scopo di fare esperimenti. Abbiamo ottenuto più cibo uccidendo i lombrichi con le nostre sostanze chimiche o abbiamo ottenuto più malattie? Abbiamo ottenuto una salute vigorosa allevando forzatamente bestiame per il latte e la carne, o abbiamo piuttosto ottenuto emissioni di gas metano che hanno contribuito enormemente all’effetto serra, mettendo in pericolo la vita del pianeta? Continua...

LA RIVOLUZIONE AMBIENTALE
LA RIVOLUZIONE AMBIENTALE

di Lester Brown

Per creare una economia sostenibile bisognerà sostenere una rivoluzione ambientale, come è avvenuto per quella agricola e industriale. Alla fine del libro Piccolo è bello, Schumacher parla di una società che violenta la natura e danneggia gli esseri umani e, da quando queste parole sono state scritte, diciotto anni fa, abbiamo potuto vedere con maggiore evidenza i modi con i quali la nostra società agisce proprio in quella direzione.Mi trovavo all’aeroporto di Dulles e presi una copia del US News and World Report, che conteneva un editoriale di David Gergen, un alto funzionario dell’Ufficio Stampa di Reagan alla Casa Bianca. L’articolo descriveva quello che stava accadendo oggi alla società americana e l’autore affermava che, in un certo senso, abbiamo perso la strada. Continua...

RISPETTA LA (TUA) NATURA
<b>RISPETTA LA (TUA) NATURA </b> Michele Vignodelli

Il nostro corpo e la nostra mente sono meraviglie naturali in pericolo, da difendere come le foreste, i fiumi, il mare e le montagne. Sono continuamente aggrediti dal sistema tecnologico ed economico che ci governa, proprio come il resto del mondo naturale.
Non potremo mai rispettare e vivere veramente la suprema bellezza e armonia della natura esterna se non cominciamo da noi stessi. Eppure esiste una spaventosa ignoranza sulla nostra natura interna, che fa pensare a una congiura del silenzio.
Negli ultimi anni sono emerse abbondanti prove dell’esistenza di
Continua...
RICORDO DI IVAN ILLICH
<b>RICORDO DI IVAN ILLICH </b>

Giannozzo Pucci *

Il primo libro di Illich, pubblicato alla fine degli anni '60, riguarda appunto la Chiesa nel processo di trasformazione della società moderna (The Church, change and development).
Il secondo, del 1970, intitolato "Celebration of Awareness (Celebrazione della consapevolezza": un appello alla rivoluzione istituzionale), è contro le certezze delle istituzioni che imprigionano l'immaginazione e rendono insensibile il cuore.
Poi, nel 1971, esce "Descolarizzare la società", che è stato al centro del dibattito pedagogico internazionale con la tesi che la scuola produce la paralisi dell'apprendimento e danneggia i ragazzi, educandoli a diventare meri funzionari della macchina sociale moderna. Convinto che il sistema educativo occidentale fosse al collasso sotto il peso della burocrazia, dei dati e del culto del professionalismo, combatteva i diplomi, i certificati, le lauree,
Continua...

LA VENDETTA DI GAIA
LA VENDETTA DI GAIA di James Lovelock

La vendetta di Gaia : assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Lo sostiene uno scienziato di fama mondiale.
Per millenni abbiamo vissuto con la strategia del parassita, ai danni dell'organismo vivente che ci ospita. Ora, assediati dall'inquinamento e dalle crescenti anomalie del clima, siamo al punto di non ritorno. Lo sostiene uno scienziato di fama mondiale.
Il parassita e' un essere che vive a spese di un altro organismo. Se ne nutre, cresce, si riproduce e prospera. Eppure, la sua non e' una strategia lungimirante. Le energie dell'organismo ospite diminuiscono giorno per giorno, ora per ora, minuto per minuto. Finche' un giorno accade l'inevitabile: l'organismo ospite si avvia a una fine certa. E il parassita, senza risorse, e' destinato a scomparire. Questa immagine e' la perfetta metafora della storia della specie umana. A dimostrarlo sono i fatti. Continua...

Il tao dell'ecologia
<b>Il tao dell'ecologia </b> Goldsmith E.
Muzzio
€. 19.63
Se vuoi comprarlo

In questo libro che presenta una summa generale del suo pensiero, Edward Goldsmith, famoso scienziato e promotore di iniziative ecologiste, ci accompagna ad un viaggio avvincente lungo la strada di una nuova visione del mondo. Umanità e natura come elementi armonici di un rapporto tutto da recuperare. L'illustrazione delle motivazioni scientifiche, etiche, psicologiche e religiose di un rapporto che abbiamo drammaticamente deteriorato. in excursus tra i temi quali l'attuale insostenibilità del nostro sviluppo economico, la presunta oggettività della scienza e la sacralità della natura, che ci offre tanti elementi per irflettere sul nostro rapporto con il mondo che ci circonda. Un classico recente della letteratura ecologista che qui riproponiamo alla vostra attenzione.
 categoria:

Consumi consapevoli


Trovati 15 articoli
  Pagine totali: 1 [1 ]  
CONSUMIAMO AD OCCHI APERTI
CONSUMIAMO AD OCCHI APERTI   Restiamo totalmente ignari di ciò che accade alle nostre spalle, di come agiscono le logiche delle multinazionali che si divertono a giocare con i capitali e con le risorse spostandolo da un capo all'altro del mondo sotto forma di prodotti. Non contanto gl Stati nazionali, che sono inseriti pienamente in questo gioco, pur sapendo che devono sottostare a leggi che non hanno stabilito loro. Gli stati non possono ormai fare nulla con le proprie regole, queste vengono superate e divorate dal sistema dell'economia internazionale. Questa può essere una delle ragioni per cui assistiamo a continue guerre, soprusi, alleanze difficili da comprendere.  Il nostro ruolo di consumatori in questo senso è decisivo. Siamo noi stessi che diamo forza o incriniamo queste strutture sovrastatali con i nostri acquisti di tutti i giorni: "Come consumatori siamo considerati bestie da ingrasso e da macello, alla stregua degli animali allevati nelle stalle industriali, altrettanto prevedibili e manovrabili, altrettanto facili da mungere"1.
Continua... 
LA NOSTRA SPESA E L'IMPATTO AMBIENTALE
LA NOSTRA SPESA E L'IMPATTO AMBIENTALE Che fame dopo un'intensa mattina di studio o lavoro! Certo, hamburger e bibita sono allettanti, veloci ed economici maundefined non sono certo ecosostenibili! Purtroppo, le grandi catene di fast food, per garantire prezzi bassi, attuano politiche economiche in stridente contrasto con le esigenze ambientali: per produrre molta carne, servono molte mucche, che hanno bisogno di grandi pascoli, che vengono realizzati mediante deforestazione e cancellazione di colture pre-esistenti, spesso con l'appoggio di governi locali corrotti. Paghiamo pochi soldi per mangiare, ma il conto ambientale è salato. E lo stesso processo avviene per la grande distribuzione: grandi numeri, garantiti da colture ricche di agenti chimici che finiranno nei nostri piatti, dopo aver percorso magari migliaia di chilometri prima di arrivare sotto casa nostra. Qualche volta cerca allora di pranzare in luoghi che servono, se non prodotti locali, almeno regionali o italiani. Molti esercizi iniziano ad offrire cibo biologico, che per sua natura ha una provenienza in gran parte locale e, soprattutto, è privo di fertilizzanti chimici.
Continua...
IL NUOVO CONSUMISMO VERDE
IL NUOVO CONSUMISMO VERDE di George Monbiot

Molti comprano prodotti biologici convinti di salvare l’ambiente. Invece di nuovi consumi serve un cambiamento politico.
Non andare avanti così. I climatologi avevano detto che gli inverni sarebbero stati più umidi e le estati più secche. Quindi non possiamo dire che le inondazioni siano dovute ai cambiamenti del clima, ma neanche che siano compatibili con attuali modelli climatici.
A causa dell'innalzamento del livello dei mari e della maggiore quantità di pioggia caduta durante l'inverno, basterà che lo straripamento dei fiumi coincida con l'alta marea di primavera per creare i presupposti per una catastrofe. Il nostro principale obiettivo deve essere impedire che i ghiacci della Groenlandia e dell'Antartico occidentale si sciolgano. L'unica cosa che dobbiamo chiederci a proposito dei cambiamenti climatici e' come evitare che ciò succeda. Sono uscite decine di libri e sembrano dare tutti una risposta: possiamo salvare il mondo scegliendo uno stile di vita più saggio e più verde. A luglio il Guardian ha pubblicato un estratto del nuovo libro di Sheherazade Goldsmith, che ci spiega "come vivere entro i limiti della natura".
È facile: basta farsi da soli il pane, il burro, il formaggio, la marmellata e i sottaceti, tenere una mucca da latte, avere un po' di maiali, capre, oche, galline, anatre, alveari, giardini e frutteti.  Be', che state aspettando? Continua...
PERCHE' MENO E' MEGLIO
PERCHE' MENO E' MEGLIO 1) Vestitevi secondo la stagione.
Per cominciare, una cosa facile, veloce ed economica per ridurre il consumo di energia. Negli Stati Uniti e in Australia ogni casa emette undici tonnellate di gas serra all'anno, mentre in Gran Bretagna sono solo sei. Circa il 40 per cento è prodotto dal riscaldamento e dal raffreddamento degli ambienti. Se d'inverno abbassate i termosifoni e vi vestite un po' più pesanti, potete ridurre di un terzo le emissioni di C02. Se ogni famiglia media del mondo sviluppato abbassasse il riscaldamento di un solo grado, o alzasse di un grado la temperatura del condizionatore, ridurrebbe di un terzo di tonnellata le sue emissioni annuali. E se non volete vestirvi più pesanti d'inverno e più leggeri d'estate, investite in un buon sistema d'isolamento: potrete comunque dimezzare la quantità di energia consumata per riscaldare o rinfrescare la casa.
Risparmio annuale per famiglia: da 0,33 a 2 tonnellate. Continua...
LA RICCHEZZA ECOLOGICA
LA RICCHEZZA ECOLOGICA di Maurizio Pallante

E' possibile contrastare l'invadenza dell'economia mercantile in tutte le sfere della vita umana organizando spazi in cui riscoprire i vantaggi della produzione di valori d'uso e degli scambi fondati sul dono e reciprocità ? Tutto il sistema economico e produttivo deve essere riconvertito in termini di stringente compatibilità ecologica. Le conoscenze scientifiche attuali consentono di farlo e poiché, in ultima analisi la riduzione dell'impatto ambientale dei processi di produzione e dei prodotti passa attraverso una sempre maggiore efficienza nell'uso delle risorse, la riduzione degli sprechi che ne deriverebbe non si traduce soltanto in una riduzione dell'inquinamento e dei rifiuti, ma in una riduzione direttamente proporzionale dei costi di produzione. ... Continua...


IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO
IL BENESSERE ANIMALE E' BENESSERE UMANO di Maneka Gandhi

Mangiare carne è una delle maggiori cause della distruzione ambientale. Ogni specie non solo ha il diritto di vivere, ma la sua vita è essenziale per il benessere dell’umanità. Ciò che chiamiamo sviluppo, cioè la sterile città nella quale portiamo i nostri cani al guinzaglio, non è vita. Ci abituiamo così velocemente al malessere, alla tensione, alle carestie e alle alluvioni che pensiamo che i pezzi di carta che teniamo in tasca possano sostituire un corpo sano e una mente gioiosa. Scegliamo di non sapere che, praticamente tutte le nostre malattie sono causate dalla mutilazione e dall’uccisione di animali: dai 70.000 acri di foresta pluviale del Sudamerica abbattuti ogni giorno – che in gran parte servono per far pascolare il bestiame – fino al virus Ebola, proveniente dalle scimmie strappate dal loro habitat naturale in Africa allo scopo di fare esperimenti. Abbiamo ottenuto più cibo uccidendo i lombrichi con le nostre sostanze chimiche o abbiamo ottenuto più malattie? Abbiamo ottenuto una salute vigorosa allevando forzatamente bestiame per il latte e la carne, o abbiamo piuttosto ottenuto emissioni di gas metano che hanno contribuito enormemente all’effetto serra, mettendo in pericolo la vita del pianeta? Continua...

VIVERE BENE
FARA' ANDARE TUTTO BENE

VIVERE BENE<BR>FARA' ANDARE TUTTO BENE Non solamente il mondo della politica e degli affari, ma anche gran parte dei movimenti ambientalisti, sono condizionati dalla paura.
“Dobbiamo prenderci cura del pianeta Terra!” “Dovremmo ridurre le emissioni di anidride carbonica, oppure il riscaldamento globale del pianeta porterà la civiltà alla sua fine” “Dovremmo usare meno petrolio, altrimenti esso si esaurirà”. Queste sono le paure sottostanti al pensiero ambientalista. Molti dei libri pubblicati negli ultimi mesi, parlano della vicina fine di questo mondo se non modifichiamo il nostro modo di agire.
La paura sembra governare le nostre vite, i nostri sistemi politici e il nostro mondo. Paura del terrorismo, paura della morte, paura della vecchiaia, della solitudine, delle malattie, di essere attaccati e violentati: paura, paura, paura. Continua...
ECO-ETICHETTE IN PRIMO PIANO
ECO-ETICHETTE IN PRIMO PIANO Epd, Environmental product declaration (dichiarazione ambientale di prodotto) per comunicare ai clienti e al mercato il proprio impegno per un'economia responsabile e compatibile.
Si chiama Epd, Environmental product declaration, in italiano, dichiarazione ambientale di prodotto. È l'ultima novità per le aziende che vogliono comunicare ai clienti e al mercato il proprio impegno allo sviluppo di una economia responsabile e bio compatibile. Di fronte a un'accresciuta sensibilità ecologica dei clienti, le problematiche relative all'impatto ambientale di prodotti e servizi diventano, infatti, sempre più strategiche, sia per le aziende private, sia per il settore pubblico. In questa prospettiva sempre più aziende percepiscono l'esigenza di uno strumento informativo affidabile e oggettivo che descriva, in modo confrontabile, le performance ambientali dei singoli prodotti e servizi, permettendo di condividere queste informazioni lungo tutta la filiera produttiva e distributiva. Tale metodologia, denominata life cycle assesment ( Lca) — in italiano valutazione del ciclo di vita — ha visto la sua formalizzazione nello standard internazionale Iso 14040, e rappresenta il primo passo per il conseguimento della Dichiarazione ambientale di prodotto, le cui linee guida sono state delineate dall'Iso nel report tecnico Iso/ Tr 14025.
Continua...
MENO CONSUMI PIU' BENESSERE
<b>MENO CONSUMI PIU' BENESSERE </b> Mariagrazia De Cola

Sappiamo bene che ci troviamo tutti quanti inseriti in un meccanismo sociale che si disumanizza giorno dopo giorno, che spesso ci fa comportare come automi e che non da' spazio all'intervento della nostra coscienza. Il "sistema" ci schiaccia, le quotidiane necessità ci fanno sentire un numero,  tutt'al più un fattore economico. Ci sentiamo nascere, invecchiare, morire. Cosa facciamo se alla fine dei nostri giorni infelici ci guardiamo allo specchio e ci domandiamo:"Che significato ha avuto la mia vita?" Ma c'è un'altra domanda importante che possiamo porci invece proprio adesso: "Posso fare qualcosa, anche piccola, per trasformare la società, cui anch'io appartengo, in una direzione positiva?" Nelle istituzioni pubbliche e private, in politica, nel mondo del lavoro e nella realtà quotidiana, c'è un estremo bisogno di donne ed uomini sensibili, attenti alla vita, ai valori, al vero benessere, che non è un semplice accumulo di beni e piaceri, come il "sistema" vuole darci ad intendere.
Continua...
CARO SAN CRISTOFORO
CARO SAN CRISTOFORO Alex Langer

Non so se tu ti ricorderai di me come io di te. Ero un ragazzo che ti vedeva dipinto all'esterno di tante piccole chiesette di montagna. Affreschi spesso sbiaditi, ma ben riconoscibili. Tu - omone grande e grosso, robusto, barbuto e vecchio - trasportavi il bambino sulle tue spalle da una parte all'altra del fiume, e si capiva che quella era per te suprema fatica e suprema gioia. Tu eri uno che sentiva dentro di sé tanta forza e tanta voglia di fare, che dopo aver militato - rispettato ed onorato per la tua forza e per il successo delle tue armi - sotto le insegne dei più illustri ed importanti signori del tuo tempo, ti sentivi sprecato. Avevi deciso di voler servire solo un padrone che davvero valesse la pena seguire, una Grande Causa che davvero valesse più delle altre. Forse eri stanco di falsa gloria, e ne desideravi di quella vera. Non ricordo più come ti venne suggerito di stabilirti alla riva di un pericoloso fiume per traghettare - grazie alla tua forza fisica eccezionale - i viandanti che da soli non ce la facessero, né come tu abbia accettato un così umile servizio che non doveva apparire proprio quella "Grande Causa" della quale - capivo - eri assetato.
Continua...
CONSIGLI PRATICI PER UN CONSUMO CRITICO
<b>CONSIGLI PRATICI PER UN CONSUMO CRITICO </b> Mariagrazia De Cola

Ogni volta che abbiamo l’impulso di comperare, fermiamoci a riflettere se stiamo agendo sotto l’influenza della pubblicità o altre forme di condizionamento o se davvero abbiamo bisogno di quel prodotto. Saper riconoscere i bisogni fondamentali. Vale proprio la pena di comprare tutto ciò che si compra? La pubblicità può diventare un potente mezzo di condizionamento, specialmente quella priva di scrupoli,….. ma, il nostro cervello dov’è? Essere in grado di poter cogliere il vero valore di un messaggio, senza farsene risucchiare, costituisce un ottimo allenamento quotidiano di razionalità e di consapevolezza. Saper valutare con coscienza e senza nervosismo ci rende più indipendenti e ci offre la possibilità di una vera comunicazione.
Anche se il tuo supermercato è strapieno di offerte, questo non vuol dire che tutto debba finire nella tua pancia: la tua pancia non è vuota, è la testa che è piena!…. e poi siamo in tanti e, se non coltiviamo la consapevolezza, neanche il cibo crescerà all’infinito!.
Continua...
LA SEMPLICITA’ SOSTENIBILE
LA SEMPLICITA’ SOSTENIBILE Alex Langer

Oggetto di negoziato internazionale sono, normalmente, argomenti come confini, armamenti, zone di pesca, quote lattiere, contingenti militari e cosi via.
Nel "vertice della terra" che le Nazioni Unite hanno convocato a Rio de Janeiro, un altro tipo di negoziato internazionale e stato sperimentato per la prima volta: sul tavolo una sorta di trattato di pace tra gli uomini e con la natura, ed anche se poi quel trattato (che avrebbe potuto degnamente chiudere il periodo della guerra fredda) in realtà non ha preso corpo, è già assai importante che si sia indicata una nuova direzione.
Se si guarda alla Conferenza delle Nazioni Unite al di la dei singoli temi di discussione e trattativa (il clima, la biodiversità, le foreste, i consumi energetici, la questione demografica...), salta agli occhi un aspetto centrale, che il capo della delegazione statunitense William Reilly (capo dell'agenzia Usa per l'ambiente e non supinamente sdraiato sulla linea intransigente de presidente Bush), ha efficacemente sintetizzato, dicendo: "American life-style is not up for negotiations" lo stile di vita americano non e oggetto di negoziato. Perché, in effetti, parlare di inquinamento e di
Continua...
VOTI OGNI VOLTA CHE FAI LA SPESA
<b>VOTI OGNI VOLTA CHE FAI LA SPESA </b> (Questo testo è riferito ai fatti di Genova, ma la sua valenza è generale e molto importante). E' evidente che dovremo impegnarci a fondo per ottenere che questi comportamenti vengano stroncati. Non sarà facile. Ottenere giustizia è un percorso lungo. E qui nasce un secondo discorso che oggi è di importanza cruciale. Abbiamo sentito molti compagni testimoniare: "Sono andato con le mani alzate, mi hanno picchiato, la prossima volta sarò pronto a difendermi!". E altri esclamare: "Voglio giustizia e la voglio subito!". Ecco noi siamo veramente preoccupati per il modo nel quale la sinistra, nel suo complesso, sta agendo. Non parliamo tanto di questo o di quel gruppo politico ma della cultura, del modo di intendere la realtà. Ad esempio in questi mesi stiamo collezionando disastri che qualcuno ha il coraggio di salutare con entusiasmo. La sinistra si è presentata alle elezioni divisa ed è stata battuta e Bertinotti e l'Unità hanno detto: "Abbiamo vinto!" In molti avevamo proposto di fare una festa lontano da Genova come era accaduto per Porto Alegre ed evitare di cadere nella trappola e di trovarci con un morto e centinaia di feriti.
Continua...
NOCOCACOLA: boicottaggio, carovana in Colombia e azioni di protesta a Roma
<B>NOCOCACOLA: boicottaggio, carovana in Colombia e azioni di protesta a Roma </b> In Colombia dal 1991 al 2003 sono stati assassinati 2015 sindacalisti. Le responsabilità delle multinazional. L’iniziativa della Carovana Internazionale per la vita delle lavoratrici e dei lavoratori colombiani, promossa dalla Confederazione Unitaria dei Lavoratori (CUT) colombiana è per sottoporre all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale la difficile situazione del sindacalismo in Colombia, paese in cui dal 1991 al 2003 sono stati assassinati 2015 sindacalisti, cioè l’80% dei sindacalisti uccisi in tutto il mondo. Alla conferenza stampa, nel corso della quale è stato presentato un dossier sulle violazioni dei diritti umani a danno dei sindacalisti colombiani, erano presenti il Sen. Francesco Martone, Presidente della Commissione Diritti Umani del Senato, Nando Simeone, vicepresidente del Consiglio della Provincia di Roma e Gianluca Peciola, Assessore del Municipio Roma XI, che, insieme all’Assessore al Lavoro del Comune di Roma Luigi Nieri e ad altri parlamentari, sostengono e seguono l’iniziativa.
Continua...
PER UN MIGLIOR UTILIZZO DELL’ACQUA IN CASA
<b>PER UN MIGLIOR UTILIZZO DELL’ACQUA IN CASA  </b> a cura di Mariagrazia De Cola

Introduzione
La gestione dell’acqua nei Paesi più sviluppati purtroppo non è ispirata a concetti di corretta utilizzazione. Per assicurare un’acqua di sufficiente qualità per noi e per le future generazioni bisogna adottare dei comportamenti che contribuiscano a ridurre specifici e globali problemi ambientali. E’ bene quindi prendere coscienza delle conseguenze di ogni nostro atto. Finora non è stata soltanto l’acqua a scarseggiare ma anche una corretta informazione.Questo piccolo opuscolo didattico vuole essere un tentativo per colmare questa carenza, almeno in parte, e preparare dei futuri cittadini consapevoli e responsabili. Con questa semplice guida desideriamo far sapere ai giovani e alle loro famiglie che, con un po’ di attenzione, è possibile compiere grandi risparmi della risorsa acqua e anche sul piano sociale. I cittadini di questo Paese rientrano in quel 10% di privilegiati, nel nostro pianeta, che devono soltanto aprire un rubinetto per avere l’acqua potabile.
Continua...
  Pagine totali: 1 [1 ]  
 Ricerca nel Dossier
 Menu
Home di questo Dossier
Elenco principale Dossier
Consiglia il Dossier
 Argomenti
Casa ecologica
Ecologia domestica
>>Consumi consapevoli
SPECIALE TRASPORTI
Ambiente e Territorio
Natura e Wilderness
Iniziative e incontri
Tecnologie Dolci
Libri Consigliati
Chi é Chi
SPECIALE RIFIUTI
SPECIALE NUCLEARE
ECOLOGIA E POLITICA
SPECIALE ACQUA
LIBRERIA FIORIGIALLI
consulta i libri in:

Agricoltura e giardino 
Ambiente e territorio 
Ecologia /Ecologismo
Medicine naturali
Alimentazioni naturali
Etologia
Scienze olistiche
Altre economie
Politica e società 
Nord-Sud

per acquisti on line e per
approfondire gli argomenti
di questo DOSSIER,  la più
ampia scelta ed i migliori
libri con sconti e offerte
eccezionali !
ISCRIVITI alla Newsletter
Iscriviti alla Newsletter, riceverai le novità e le offerte nella tua e-mail

 News
26-27-28 SETTEMBRE - THINK GREEN ECOFESTIVAL - ROMA
REGALO A CHI INQUINA E' LEGGE
GROENLANDIA: IN 4 GIORNI SCIOLTO META' DEL GHIACCIO, ORA QUASI TUTTO
IN GERMANIA STANZIATI 32 MILIARDI PER USCIRE DAL NUCLEARE
711 ECOLOGISTI UCCISI NEGLI ULTIMI 10 ANNI
WWF: L'ORA DELLA TERRA UNA GRANDE MOBILITAZIONE CONTRO I CAMBIAMENTI CLIMATICI
SOLAR IMPULSE AEREO A ENERGIA SOLARE
26 APRILE 1986 CERNOBYL
PER NON DIMENTICARE

LA NUOVA BICI A IDROGENO
100 KM CON 1/2 LITRO D'ACQUA

 Link
Envirolink Network
Natura Network
Feng Shui Consulting
Aduc Ass.Consumatori
Adiconsum Ass.Consumatori
Lega dei Consumatori
Codacons Ass.Consumatori
Unione Naz.Consumatori
Studio Arch.Bernardini
Ecofeminist
Lipu Protez.Uccelli
La voce dell'albero
Greennet
Greenpeace Italia
Legambiente Convento S.Giorgio
Italia Nostra
Natura Nostra Italia
INBAR Ist.Bioarchitettura
ANAB Ass.Bioarchitettura
Promiseland
Critical Mass
Paea progetti Energia
Consorzio Pannello Ecologico
CarBusters
Amici della Bici
Gruppi Acquisto Solidali
Thank-Water
Stile Biologico
Bioteca Associazione - Udine
IRIS strategie per l'ambiente
Wilderness
World Watch Institute
Wilderness in Italia
Fiera delle Utopie Concrete
Ecoage
Yoga Wear Bindu
OLO - conslulenti nel biologico
AMICI della Terra
Ecoistituto delle Tecnologie Appropriate di Cesena
Parchi italiani
Bioedilizia
ECO-ECOBLOG
EcoRiflesso.org
Verdi del Trentino
Associazione Torino Viva
TERRA NEWS
TERRANEWS
Officina Naturae
Artimestieri - Cooperativa Sociale
 Consiglia il Dossier
Tua e-mail E-mail destinatario Testo







 
home | Dossier | News ed Eventi | FioriGialli Edizioni | Libreria | Musica & Video | Bazaar | Negozi | Newsletter | Ecocredit | Pubblicità | Mappa | contatti  
FioriGialli è un marchio Il Libraio delle Stelle - Via Colle dell'Acero 20 - 00049 Velletri
P. Iva 00204351001- email: info@fiorigialli.it - tel 06 9639055

sviluppo e hosting: 3ml.it